Le cure palliative (CP), rivolte a pazienti inguaribili, ma ancora curabili, costituiscono un settore della medicina in cui è cruciale la componente umanistica e la necessità di un lavoro integrato fra diversi operatori. Per sviluppare competenze in CP, sono stati avviati in tutto il mondo dei corsi Master. Essi si propongono di sviluppare non solo capacità di presa di decisioni cliniche e di uso appropriato di interventi assistenziali nelle CP, ma anche competenze di comunicazione, di lavoro in équipe, nonché competenze etiche, cruciali nelle decisioni che si prendono nel fine-vita. Sembra che la formazione alle CP sia intrinsecamente finalizzata a coltivare l’“intelligenza sociale” degli operatori, l’“intelligenza del cuore” (la capacità di comprendere non solo le emozioni, i sentimenti del paziente e della famiglia, ma anche, e inevitabilmente, i propri) nonché lo “sviluppo morale”. Attraverso una rilettura dei dati di una ricerca sullo sviluppo della competenza in CP, condotta nel 2015, con gli infermieri partecipanti al Master in CP dell’Università di Milano, si cercherà di cogliere la presenza di queste forme d’intelligenza, nelle parole degli intervistati, e la loro eventuale evoluzione nel percorso formativo.

Le cure palliative (CP), rivolte a pazienti inguaribili, ma ancora curabili, costituiscono un settore della medicina in cui è cruciale la componente umanistica e la necessità di un lavoro integrato fra diversi operatori. Per sviluppare competenze in CP, sono stati avviati in tutto il mondo dei corsi Master. Essi si propongono di sviluppare non solo capacità di presa di decisioni cliniche e di uso appropriato di interventi assistenziali nelle CP, ma anche competenze di comunicazione, di lavoro in équipe, nonché competenze etiche, cruciali nelle decisioni che si prendono nel fine vita. Sembra che la formazione alle CP sia intrinsecamente finalizzata a coltivare l’“intelligenza sociale” degli operatori, l’“intelligenza del cuore” (la capacità di comprendere non solo le emozioni, i sentimenti del paziente e della famiglia, ma anche, e inevitabilmente, i propri) nonché lo “sviluppo morale”. Attraverso una rilettura dei dati di una ricerca sullo sviluppo della competenza in CP, condotta nel 2015, con gli infermieri partecipanti al Master in CP dell’Università di Milano, si cercherà di cogliere la presenza di queste forme d’intelligenza, nelle parole degli intervistati, e la loro eventuale evoluzione nel percorso formativo.

La formazione al caring nel fine vita : il lavoro sull’intelligenza socio-emotiva e sullo sviluppo morale / L. Zannini, M.B. Gambacorti-Passerini, A. Destrebecq, S. Terzoni. - In: CIVITAS EDUCATIONIS. - ISSN 2280-6865. - 7:1(2018), pp. 265-282.

La formazione al caring nel fine vita : il lavoro sull’intelligenza socio-emotiva e sullo sviluppo morale

L. Zannini
;
M.B. Gambacorti-Passerini
Secondo
;
A. Destrebecq;S. Terzoni
2018

Abstract

Le cure palliative (CP), rivolte a pazienti inguaribili, ma ancora curabili, costituiscono un settore della medicina in cui è cruciale la componente umanistica e la necessità di un lavoro integrato fra diversi operatori. Per sviluppare competenze in CP, sono stati avviati in tutto il mondo dei corsi Master. Essi si propongono di sviluppare non solo capacità di presa di decisioni cliniche e di uso appropriato di interventi assistenziali nelle CP, ma anche competenze di comunicazione, di lavoro in équipe, nonché competenze etiche, cruciali nelle decisioni che si prendono nel fine vita. Sembra che la formazione alle CP sia intrinsecamente finalizzata a coltivare l’“intelligenza sociale” degli operatori, l’“intelligenza del cuore” (la capacità di comprendere non solo le emozioni, i sentimenti del paziente e della famiglia, ma anche, e inevitabilmente, i propri) nonché lo “sviluppo morale”. Attraverso una rilettura dei dati di una ricerca sullo sviluppo della competenza in CP, condotta nel 2015, con gli infermieri partecipanti al Master in CP dell’Università di Milano, si cercherà di cogliere la presenza di queste forme d’intelligenza, nelle parole degli intervistati, e la loro eventuale evoluzione nel percorso formativo.
Le cure palliative (CP), rivolte a pazienti inguaribili, ma ancora curabili, costituiscono un settore della medicina in cui è cruciale la componente umanistica e la necessità di un lavoro integrato fra diversi operatori. Per sviluppare competenze in CP, sono stati avviati in tutto il mondo dei corsi Master. Essi si propongono di sviluppare non solo capacità di presa di decisioni cliniche e di uso appropriato di interventi assistenziali nelle CP, ma anche competenze di comunicazione, di lavoro in équipe, nonché competenze etiche, cruciali nelle decisioni che si prendono nel fine-vita. Sembra che la formazione alle CP sia intrinsecamente finalizzata a coltivare l’“intelligenza sociale” degli operatori, l’“intelligenza del cuore” (la capacità di comprendere non solo le emozioni, i sentimenti del paziente e della famiglia, ma anche, e inevitabilmente, i propri) nonché lo “sviluppo morale”. Attraverso una rilettura dei dati di una ricerca sullo sviluppo della competenza in CP, condotta nel 2015, con gli infermieri partecipanti al Master in CP dell’Università di Milano, si cercherà di cogliere la presenza di queste forme d’intelligenza, nelle parole degli intervistati, e la loro eventuale evoluzione nel percorso formativo.
alta formazione; caring; cure palliative; intelligenza socio-emotiva; sviluppo morale.
Settore M-PED/01 - Pedagogia Generale e Sociale
Settore MED/45 - Scienze Infermieristiche Generali, Cliniche e Pediatriche
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/584313
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact