L'autore ineffabile. "Good Old Neon" e i paradossi della scrittura