Chi ha (ancora) paura dell’Europa? Qualche riflessione alla luce anche della pandemia da Covid-19