EMERGENZA SANITARIA, MEDIA E LINGUA: QUALCHE RIFLESSIONE