La mafia come virus. Insegnamenti involontari della pandemia (a proposito di un dibattito quasi antico)