Lo spazio che non c’è: nuove mappe per la città delle donne