Le (non insuperabili) strettoie del giudizio incidentale alla prova del caso “Cappato”