La più antica traduzione francese del Vade mecum in tribulatione (ms. Paris, BnF, fr. 24254)