Il presente saggio esamina un fenomeno processuale diffuso nel contesto delle società post-coloniali e qui denominato “prova culturale” (cultural evidence). Il sintagma ‘prova culturale’ designa, comunemente, ogni mezzo di prova che consenta di portare all’attenzione del giudice il background culturale dell’imputato o delle parti. Il presente studio discute invece un’ulteriore e specifico significato di “prova culturale”, quale mezzo di prova finalizzato a dimostrare l'esistenza di una relazione giuridica, tipicamente un diritto di proprietà (un property right) collettivo su una porzione di territorio in capo a una popolazione indigena. La prova culturale, così intesa, si perfeziona attraverso l’esibizione di uno o più manufatti tradizionali, oppure attraverso l’attuazione di una o più performance culturali (canzoni, danze, cerimonie), in sede giudiziale o pre-giudiziale. Il presente articolo tenta di rispondere alla seguente domanda: In che modo la prova culturale – un manufatto o una performance – è prova dell’esistenza di una relazione giuridica, nel contesto di una rivendicazione territoriale indigena? Scopo del saggio, che verte sullo specifico caso della popolazione Yolngu (Australia), è mostrare come tale domanda ammetta una triplice risposta a seconda del contesto di riferimento: la cosmologia Yolngu (§2), il diritto processuale australiano (§3) e il processo di negoziazione interculturale che impegna lo Stato australiano in un dialogo con la sua componente indigena (§4).

La prova culturale : tra epistemologia e antropologia giuridica / R. Mazzola. - In: MATERIALI PER UNA STORIA DELLA CULTURA GIURIDICA. - ISSN 1120-9607. - 49:1(2019 Jun 01), pp. 211-226.

La prova culturale : tra epistemologia e antropologia giuridica

R. Mazzola
2019-06-01

Abstract

Il presente saggio esamina un fenomeno processuale diffuso nel contesto delle società post-coloniali e qui denominato “prova culturale” (cultural evidence). Il sintagma ‘prova culturale’ designa, comunemente, ogni mezzo di prova che consenta di portare all’attenzione del giudice il background culturale dell’imputato o delle parti. Il presente studio discute invece un’ulteriore e specifico significato di “prova culturale”, quale mezzo di prova finalizzato a dimostrare l'esistenza di una relazione giuridica, tipicamente un diritto di proprietà (un property right) collettivo su una porzione di territorio in capo a una popolazione indigena. La prova culturale, così intesa, si perfeziona attraverso l’esibizione di uno o più manufatti tradizionali, oppure attraverso l’attuazione di una o più performance culturali (canzoni, danze, cerimonie), in sede giudiziale o pre-giudiziale. Il presente articolo tenta di rispondere alla seguente domanda: In che modo la prova culturale – un manufatto o una performance – è prova dell’esistenza di una relazione giuridica, nel contesto di una rivendicazione territoriale indigena? Scopo del saggio, che verte sullo specifico caso della popolazione Yolngu (Australia), è mostrare come tale domanda ammetta una triplice risposta a seconda del contesto di riferimento: la cosmologia Yolngu (§2), il diritto processuale australiano (§3) e il processo di negoziazione interculturale che impegna lo Stato australiano in un dialogo con la sua componente indigena (§4).
Settore IUS/20 - Filosofia del Diritto
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/641470
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact