My thinking is my fighting: la concezione arendtiana della politica