Le ambiguità della «funzione autore» nell’editoria italiana del Settecento