Tra il serio e il faceto: i libretti di Gioachino Rossini, a centocinquant’anni dalla morte