«Nel disordine formale»: il carteggio Fortini-Giudici