Tra Dante e Auerbach: il problema della lingua letteraria del Medioevo