L’insussistenza della giusta causa o del giustificato motivo come «indice presuntivo» della ritorsività del licenziamento