Vae vobis homines: una massima di Avenzoreth e le sue metamorfosi fra XIII e XVI secolo