Negli ultimi anni, a livello scientifico e nell’opinione pubblica, c’è stata una crescente attenzione al tema degli errori medici. Se a livello organizzativo sono state introdotte nuove pratiche, a livello relazionale la comunicazione degli errori ai pazienti e ai familiari resta un compito spesso disatteso. La letteratura evidenzia che le difficoltà nel comunicare onestamente un errore medico sono riconducibili a motivazioni culturali, legali e psicologiche. Data la delicatezza del tema, sono pochi gli studi internazionali che hanno analizzato la pratica comunicativa in caso di errore. Nel presente contributo verranno offerte alcune riflessioni a partire dall’analisi di due visite in cui "veri" clinici comunicano un errore a un famigliare, impersonificato da un attore. Le visite sono state registrate durante un corso di formazione presso l’Ospedale San Paolo, Università degli Studi di Milano. Nelle due visite alcuni snodi critici dal punto di vista comunicativo riguardano: i clinici coinvolti, la tempistica della comunicazione dell’errore, le parole utilizzate e il ruolo delle scuse. Se comunicare gli errori in maniera trasparente sta diventando una posizione condivisa, bisogna offrire formazione e supporto ai clinici in questo compito.

Sbagliare è umano, ma anche in medicina? La comunicazione degli errori ai pazienti e ai famigliari / G. Lamiani, S. Anania. - In: RICERCHE DI PSICOLOGIA. - ISSN 0391-6081. - 38:3(2015), pp. 527-543. [10.3280/RIP2015-003006]

Sbagliare è umano, ma anche in medicina? La comunicazione degli errori ai pazienti e ai famigliari

G. Lamiani;S. Anania
2015

Abstract

Negli ultimi anni, a livello scientifico e nell’opinione pubblica, c’è stata una crescente attenzione al tema degli errori medici. Se a livello organizzativo sono state introdotte nuove pratiche, a livello relazionale la comunicazione degli errori ai pazienti e ai familiari resta un compito spesso disatteso. La letteratura evidenzia che le difficoltà nel comunicare onestamente un errore medico sono riconducibili a motivazioni culturali, legali e psicologiche. Data la delicatezza del tema, sono pochi gli studi internazionali che hanno analizzato la pratica comunicativa in caso di errore. Nel presente contributo verranno offerte alcune riflessioni a partire dall’analisi di due visite in cui "veri" clinici comunicano un errore a un famigliare, impersonificato da un attore. Le visite sono state registrate durante un corso di formazione presso l’Ospedale San Paolo, Università degli Studi di Milano. Nelle due visite alcuni snodi critici dal punto di vista comunicativo riguardano: i clinici coinvolti, la tempistica della comunicazione dell’errore, le parole utilizzate e il ruolo delle scuse. Se comunicare gli errori in maniera trasparente sta diventando una posizione condivisa, bisogna offrire formazione e supporto ai clinici in questo compito.
comunicazione clinico-paziente; errori medici; scuse; riparazione; psicologia clinica; metodologia qualitativa
Settore M-PSI/08 - Psicologia Clinica
RICERCHE DI PSICOLOGIA
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sbagliare è umano ma anche in medicina.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print, accepted manuscript ecc. (versione accettata dall'editore)
Dimensione 552.7 kB
Formato Adobe PDF
552.7 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/339681
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact