Nel tumore mammario, la dinamica della malattia dopo intervento chirurgico può essere caratterizzata dalla comparsa di eventi diversi quali la recidiva loco-regionale, il carcinoma controlaterale e la comparsa di metastasi a distanza. La funzione d’azzardo per ricadute mostra un tipico andamento multimodale con un primo picco a circa 12/18 mesi ed un secondo picco a circa 50/60 mesi dall’intervento chirurgico o dall’interruzione del trattamento adiuvante. Molti studi mostrano come la teoria “a crescita continua” di cellule tumorali non riesca ad interpretare correttamente la dinamica osservata. Recenti studi basati sull’ipotesi di “tumori latenti” innescati da un segnale casuale a dare un secondo picco, forniscono un supporto solo empirico ai dati osservati. Obiettivo primario di questa ricerca è la messa a punto di un nuovo approccio metodologico basato sul comportamento dinamico di una “mistura” di popolazioni cellulari eterogenee. Il modello proposto può fornire una solida ed intuitiva chiave di interpretazione biologica a quanto osservato ed una valida alternativa all’ipotesi di “tumori latenti”. Obiettivo secondario della ricerca è la generalizzazione del modello proposto al caso di rischi competitivi.

Coordinatore di Nuovo approccio metodologico per lo studio di processi di rischio ad azzardo multimodale nello studio del tumore mammario(2007).

Coordinatore di Nuovo approccio metodologico per lo studio di processi di rischio ad azzardo multimodale nello studio del tumore mammario

2007

Abstract

Nel tumore mammario, la dinamica della malattia dopo intervento chirurgico può essere caratterizzata dalla comparsa di eventi diversi quali la recidiva loco-regionale, il carcinoma controlaterale e la comparsa di metastasi a distanza. La funzione d’azzardo per ricadute mostra un tipico andamento multimodale con un primo picco a circa 12/18 mesi ed un secondo picco a circa 50/60 mesi dall’intervento chirurgico o dall’interruzione del trattamento adiuvante. Molti studi mostrano come la teoria “a crescita continua” di cellule tumorali non riesca ad interpretare correttamente la dinamica osservata. Recenti studi basati sull’ipotesi di “tumori latenti” innescati da un segnale casuale a dare un secondo picco, forniscono un supporto solo empirico ai dati osservati. Obiettivo primario di questa ricerca è la messa a punto di un nuovo approccio metodologico basato sul comportamento dinamico di una “mistura” di popolazioni cellulari eterogenee. Il modello proposto può fornire una solida ed intuitiva chiave di interpretazione biologica a quanto osservato ed una valida alternativa all’ipotesi di “tumori latenti”. Obiettivo secondario della ricerca è la generalizzazione del modello proposto al caso di rischi competitivi.
Activity
Coordinatore di Nuovo approccio metodologico per lo studio di processi di rischio ad azzardo multimodale nello studio del tumore mammario(2007).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/31403
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact