Un lettore antico della Repubblica: Numenio di Apamea