Nel XV secolo la narrazione dell’esperienza di viaggio spettava, come compito ufficiale e professionale, a una composita categoria di ambasciatori, diplomatici e oratori al servizio delle corti: lo scopo dei resoconti era informare i propri signori in modo dettagliato sulla vita e sulle attività delle potenze vicine e straniere. Nell’Italia quattro-cinquecentesca tali ragguagli comprendevano anche notizie sulla politica culturale e sulle abitudini mondane, segno di società che gareggiavano tra loro in sfarzo, prestigio e magnificienza. Ne consegue che le pratiche teatrali – funzionali ad accompagnare feste, banchetti, matrimoni, compleanni – abbiano goduto di particolari attenzioni da parte dei diplomatici-viaggiatori. L’intervento – analizzando le relazioni del ferrarese Giacomo Trotti per la Festa del Paradiso di Bernardo Bellincioni (Milano, 1490) e di Hermes Sforza per i Menechini (Ferrara, 1491) – si concentra sulle modalità narrative adottate da queste cronache di viaggio sui generis e sul loro contributo, ideologico ed ermeneutico, allo sviluppo del teatro quattrocentesco italiano.

Modalità e contributo dei resoconti di viaggio nello sviluppo del teatro pre-classicista italiano / M. Bosisio - In: Viaggi, itinerari, flussi umani : il mondo attraverso narrazioni, rappresentazioni e popoli / [a cura di] A. Gimbo, M.C. Paolicelli, A. Ricci. - Roma : Nuova Cultura, 2014. - ISBN 978-88-6812-331-4. - pp. 267-279 (( Intervento presentato al 5. convegno Seminario interdisciplinare dei dottoranti : Viaggi, itinerari, flussi umani tenutosi a Roma nel 2013.

Modalità e contributo dei resoconti di viaggio nello sviluppo del teatro pre-classicista italiano

M. Bosisio
2014

Abstract

Nel XV secolo la narrazione dell’esperienza di viaggio spettava, come compito ufficiale e professionale, a una composita categoria di ambasciatori, diplomatici e oratori al servizio delle corti: lo scopo dei resoconti era informare i propri signori in modo dettagliato sulla vita e sulle attività delle potenze vicine e straniere. Nell’Italia quattro-cinquecentesca tali ragguagli comprendevano anche notizie sulla politica culturale e sulle abitudini mondane, segno di società che gareggiavano tra loro in sfarzo, prestigio e magnificienza. Ne consegue che le pratiche teatrali – funzionali ad accompagnare feste, banchetti, matrimoni, compleanni – abbiano goduto di particolari attenzioni da parte dei diplomatici-viaggiatori. L’intervento – analizzando le relazioni del ferrarese Giacomo Trotti per la Festa del Paradiso di Bernardo Bellincioni (Milano, 1490) e di Hermes Sforza per i Menechini (Ferrara, 1491) – si concentra sulle modalità narrative adottate da queste cronache di viaggio sui generis e sul loro contributo, ideologico ed ermeneutico, allo sviluppo del teatro quattrocentesco italiano.
teatro del Quattrocento ; viaggio ; letteratura odeoporica
Settore L-FIL-LET/10 - Letteratura Italiana
Università Tor Vergata, Roma
Book Part (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/237897
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact