Il paper mette a fuoco le ragioni di carattere normativo a favore dell’intervento pubblico nel settore del welfare. In particolare, il paper sottolinea che, a partire dal secondo dopoguerra, l’erogazione di servizi sociali non risponde più a istanze umanitarie, ma diventa a pieno titolo una questione di giustizia. In quest’ottica, l’intervento pubblico nel settore del welfare è giustificato con riferimento a diritti sociali o a diritti di cittadinanza e le politiche sociali assumono la funzione di controbilanciare i rischi legati ai cicli vitali, alla malattia e all’economia di mercato, rischi rispetto ai quali gli individui non sono responsabili e dai quali devono quindi essere protetti. Inoltre, come sottolineato nel paper, l’intervento pubblico nel settore del welfare può esse giustificato come misura che consente di far fronte ai fallimenti del mercato, garantendone l’efficienza e preservandolo come sfera di libertà all’interno della quale gli individui possono esercitare la propria autonomia. Le politiche sociali sono state giustificate anche alla luce di finalità redistributive ed egualitarie o alla necessità di sottrarre alcuni ambiti, quali la sanità o l’educazione, alla logica del mercato per assicurare l’eguaglianza delle opportunità. Come il paper segnala, ci sono punti di tensione sia tra i diversi principi normativi su cui la giustificazione del welfare state si fonda (libertà e uguaglianza), sia tra le varie finalità che persegue (soddisfare bisogni e garantire l’efficienza del mercato), così come tra i differenti valori che promuove (giustizia e solidarietà). In effetti, come il paper suggerisce, il welfare state rappresenta il tentativo di trovare un equilibrio tra valori e principi propri della tradizione pubblica delle società liberali e democratiche, dalla libertà all’uguaglianza, dalla solidarietà all’efficienza. Si tratta, dunque, di trovare un punto di equilibrio, capace di configurare una nuova forma e formula di welfare state, che sia all’altezza delle critiche che gli vengono mosse e delle sfide che dovrà affrontare.

Giustificare il Welfare State : ragioni a confronto / B. Magni, F. Pasquali (LPF WORKING PAPERS). - In: LPF WORKING PAPERSTorino : Centro Einaudi, 2015 Oct. - pp. 1-29

Giustificare il Welfare State : ragioni a confronto

B. Magni;F. Pasquali
2015-10

Abstract

Il paper mette a fuoco le ragioni di carattere normativo a favore dell’intervento pubblico nel settore del welfare. In particolare, il paper sottolinea che, a partire dal secondo dopoguerra, l’erogazione di servizi sociali non risponde più a istanze umanitarie, ma diventa a pieno titolo una questione di giustizia. In quest’ottica, l’intervento pubblico nel settore del welfare è giustificato con riferimento a diritti sociali o a diritti di cittadinanza e le politiche sociali assumono la funzione di controbilanciare i rischi legati ai cicli vitali, alla malattia e all’economia di mercato, rischi rispetto ai quali gli individui non sono responsabili e dai quali devono quindi essere protetti. Inoltre, come sottolineato nel paper, l’intervento pubblico nel settore del welfare può esse giustificato come misura che consente di far fronte ai fallimenti del mercato, garantendone l’efficienza e preservandolo come sfera di libertà all’interno della quale gli individui possono esercitare la propria autonomia. Le politiche sociali sono state giustificate anche alla luce di finalità redistributive ed egualitarie o alla necessità di sottrarre alcuni ambiti, quali la sanità o l’educazione, alla logica del mercato per assicurare l’eguaglianza delle opportunità. Come il paper segnala, ci sono punti di tensione sia tra i diversi principi normativi su cui la giustificazione del welfare state si fonda (libertà e uguaglianza), sia tra le varie finalità che persegue (soddisfare bisogni e garantire l’efficienza del mercato), così come tra i differenti valori che promuove (giustizia e solidarietà). In effetti, come il paper suggerisce, il welfare state rappresenta il tentativo di trovare un equilibrio tra valori e principi propri della tradizione pubblica delle società liberali e democratiche, dalla libertà all’uguaglianza, dalla solidarietà all’efficienza. Si tratta, dunque, di trovare un punto di equilibrio, capace di configurare una nuova forma e formula di welfare state, che sia all’altezza delle critiche che gli vengono mosse e delle sfide che dovrà affrontare.
Welfare State ; secondo Welfare ; giustizia ; diritti sociali ; cittadinanza ; responsabilità ; merito
Settore SPS/01 - Filosofia Politica
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
WP-LPF_7_2015_Magni-Pasquali.pdf

non disponibili

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 490.92 kB
Formato Adobe PDF
490.92 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/213704
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact