Dal desiderio infantile alla religione: Spinoza e Girard