Appunti su continuo e discreto nella scrittura romanzesca