La proposta di introdurre, in Italia, uno schema generalizzato di reddito minimo, tipicamente affiancato da una componente di inserimento sociale e lavorativo dei beneficiari, si scontra molto spesso con l’obiezione secondo la quale a ciò osterebbero degli impedimenti strutturali, connessi alle peculiarità del contesto italiano. Tali impedimenti consistono nell’occupazione irregolare e sommersa, nell’elevata disoccupazione, nella bassa legalità e nella ridotta capacità istituzionale disponibile presso i contesti amministrativi che dovrebbero erogare la prestazione e gestire i programmi di inserimento. Chi proponga pertanto l’introduzione di uno schema di reddito minimo in Italia deve sostenere l’onere di mostrare come questi nodi possano essere sciolti. Tale è l’obiettivo di questo saggio, che individua gli aspetti critici dell’introduzione di uno schema di reddito minimo generalizzato in Italia (intendendo con ciò uno schema che ad una componente monetaria affianchi un progetto di inserimento sociale, scolastico, formativo o lavorativo dei beneficiari della misura) ed elabora alcune proposte su come affrontarli.

I nodi critici dell’attuazione di uno schema di reddito minimo in Italia : alcune proposte / S. Sacchi. - In: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI. - ISSN 1720-4321. - 130(2011), pp. 247-263. [10.3280/GDL2011-130003]

I nodi critici dell’attuazione di uno schema di reddito minimo in Italia : alcune proposte

S. Sacchi
Primo
2011

Abstract

La proposta di introdurre, in Italia, uno schema generalizzato di reddito minimo, tipicamente affiancato da una componente di inserimento sociale e lavorativo dei beneficiari, si scontra molto spesso con l’obiezione secondo la quale a ciò osterebbero degli impedimenti strutturali, connessi alle peculiarità del contesto italiano. Tali impedimenti consistono nell’occupazione irregolare e sommersa, nell’elevata disoccupazione, nella bassa legalità e nella ridotta capacità istituzionale disponibile presso i contesti amministrativi che dovrebbero erogare la prestazione e gestire i programmi di inserimento. Chi proponga pertanto l’introduzione di uno schema di reddito minimo in Italia deve sostenere l’onere di mostrare come questi nodi possano essere sciolti. Tale è l’obiettivo di questo saggio, che individua gli aspetti critici dell’introduzione di uno schema di reddito minimo generalizzato in Italia (intendendo con ciò uno schema che ad una componente monetaria affianchi un progetto di inserimento sociale, scolastico, formativo o lavorativo dei beneficiari della misura) ed elabora alcune proposte su come affrontarli.
Reddito minimo ; Povertà ; Assistenza sociale ; Welfare state ; Capacità istituzionali ; Sussidi di disoccupazione
Settore SPS/04 - Scienza Politica
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/175204
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact