Il ricorso al (flessibile) modello fondazionale nella valorizzazione dei beni culturali di appartenenza pubblica