The essay brings together the results of two researches carried out within the project: Limen, Languages of Notarial Mediation between the Middle Ages and the Modern Age, presented in July 2019 at the Extraordinary Call for Interdepartmental Projects of the University of Milan and considered worthy of funding with the recognition of the Seal of excellence in 2020. In the two interventions previously published in italian language (L’attività di mediazione del notaio nella Summa di Rolandino in Mediazione Notarile. Forme e linguaggi tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di Alessandra Bassani, Marta Mangini e Fabrizio Pagnoni, Quaderni degli Studi di Storia Medievale e di Diplomatica VI, Milano Pearson 2022 e Notaio mediatore: la distanza fra la vita e la pergamena in Giustizia, istituzioni e notai tra i secoli XII e XVII in una prospettiva europea. In ricordo di Dino Puncuh, a cura di Denise Bezzina - Marta Calleri - Marta Luigina Mangini - Valentina Ruzzin, Notariorum Itinera Varia 6, Società Ligure di Storia Patria, Genova 2022) the Author used the hermeneutic tool of the ‘function’ of mediation to connect the results of the historical-legal research with those equally in-depth of the historians of society, institutions and the economy. Thus the medieval notary’s activity emerges from the examination of testimonial depositions, mortis causa deeds and contracts of writing and discipleship: the notary was protagonist of the institutional, social and economic life of the medieval municipality and also a spiritual and family mediator in his customers’ most intimate and personal life.

Il saggio riunisce l’esito di due ricerche svolte nell’ambito del progetto Limen, Linguaggi della Mediazione Notarile tra Medioevo ed Età Moderna, presentato nel luglio 2019 al Bando Straordinario per Progetti Interdipartimentali dell’Università degli Studi di Milano e ritenuto meritevole di finanziamento con il riconoscimento del Seal of excellence nel 2020. Nei due interventi precedentemente pubblicati in italiano (L’attività di mediazione del notaio nella Summa di Rolandino in Mediazione Notarile. Forme e linguaggi tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di Alessandra Bassani, Marta Mangini e Fabrizio Pagnoni, Quaderni degli Studi di Storia Medievale e di Diplomatica VI, Milano Pearson 2022 e Notaio mediatore: la distanza fra la vita e la pergamena in Giustizia, istituzioni e notai tra i secoli XII e XVII in una prospettiva europea. In ricordo di Dino Puncuh, a cura di Denise Bezzina - Marta Calleri - Marta Luigina Mangini - Valentina Ruzzin, Notariorum Itinera Varia 6, Società Ligure di Storia Patria, Genova 2022) l’Autrice ha sfruttato lo strumento ermeneutico della ‘funzione’ di mediazione per mettere in comunicazione gli esiti della ricerca storico-giuridica con quelli altrettanto approfonditi degli storici della società, delle istituzioni e dell’economia. Emerge così dall’esame delle deposizioni testimoniali, degli atti mortis causa e dei contratti di scrittura e di discepolato l’attività del notaio medievale: non solo protagonista della vita istituzionale, sociale ed economica del comune medievale ma anche mediatore spirituale e familiare negli aspetti più intimi e personali della vita dei suoi clienti.

The Life in the Scroll: Medieval Notaries as Mediators in the Trial, in Wills and in Contracts = La vita sulla pergamena: i notai medievali mediatori nel processo, nei testamenti e nei contratti / A. Bassani. - In: ITALIAN REVIEW OF LEGAL HISTORY. - ISSN 2464-8914. - 2022:8(2022 Dec 22), pp. 475-502. [10.54103/2464-8914/19453]

The Life in the Scroll: Medieval Notaries as Mediators in the Trial, in Wills and in Contracts = La vita sulla pergamena: i notai medievali mediatori nel processo, nei testamenti e nei contratti

A. Bassani
2022

Abstract

Il saggio riunisce l’esito di due ricerche svolte nell’ambito del progetto Limen, Linguaggi della Mediazione Notarile tra Medioevo ed Età Moderna, presentato nel luglio 2019 al Bando Straordinario per Progetti Interdipartimentali dell’Università degli Studi di Milano e ritenuto meritevole di finanziamento con il riconoscimento del Seal of excellence nel 2020. Nei due interventi precedentemente pubblicati in italiano (L’attività di mediazione del notaio nella Summa di Rolandino in Mediazione Notarile. Forme e linguaggi tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di Alessandra Bassani, Marta Mangini e Fabrizio Pagnoni, Quaderni degli Studi di Storia Medievale e di Diplomatica VI, Milano Pearson 2022 e Notaio mediatore: la distanza fra la vita e la pergamena in Giustizia, istituzioni e notai tra i secoli XII e XVII in una prospettiva europea. In ricordo di Dino Puncuh, a cura di Denise Bezzina - Marta Calleri - Marta Luigina Mangini - Valentina Ruzzin, Notariorum Itinera Varia 6, Società Ligure di Storia Patria, Genova 2022) l’Autrice ha sfruttato lo strumento ermeneutico della ‘funzione’ di mediazione per mettere in comunicazione gli esiti della ricerca storico-giuridica con quelli altrettanto approfonditi degli storici della società, delle istituzioni e dell’economia. Emerge così dall’esame delle deposizioni testimoniali, degli atti mortis causa e dei contratti di scrittura e di discepolato l’attività del notaio medievale: non solo protagonista della vita istituzionale, sociale ed economica del comune medievale ma anche mediatore spirituale e familiare negli aspetti più intimi e personali della vita dei suoi clienti.
The essay brings together the results of two researches carried out within the project: Limen, Languages of Notarial Mediation between the Middle Ages and the Modern Age, presented in July 2019 at the Extraordinary Call for Interdepartmental Projects of the University of Milan and considered worthy of funding with the recognition of the Seal of excellence in 2020. In the two interventions previously published in italian language (L’attività di mediazione del notaio nella Summa di Rolandino in Mediazione Notarile. Forme e linguaggi tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di Alessandra Bassani, Marta Mangini e Fabrizio Pagnoni, Quaderni degli Studi di Storia Medievale e di Diplomatica VI, Milano Pearson 2022 e Notaio mediatore: la distanza fra la vita e la pergamena in Giustizia, istituzioni e notai tra i secoli XII e XVII in una prospettiva europea. In ricordo di Dino Puncuh, a cura di Denise Bezzina - Marta Calleri - Marta Luigina Mangini - Valentina Ruzzin, Notariorum Itinera Varia 6, Società Ligure di Storia Patria, Genova 2022) the Author used the hermeneutic tool of the ‘function’ of mediation to connect the results of the historical-legal research with those equally in-depth of the historians of society, institutions and the economy. Thus the medieval notary’s activity emerges from the examination of testimonial depositions, mortis causa deeds and contracts of writing and discipleship: the notary was protagonist of the institutional, social and economic life of the medieval municipality and also a spiritual and family mediator in his customers’ most intimate and personal life.
Notary; middle ages; trial witnesses; mortis causa deeds; contracts; Notariato, medioevo, testimonianza, testamenti, contratti;
Settore IUS/19 - Storia del Diritto Medievale e Moderno
https://riviste.unimi.it/index.php/irlh/article/view/19453/17336
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
cap13_Bassani.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 388.51 kB
Formato Adobe PDF
388.51 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/950352
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact