Il contributo commenta una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, mediante la quale il giudice di Strasburgo è tornato ad occuparsi del principio del ne bis in idem, ribadendo la necessità del criterio, già affermato nel caso A e B c. Norvegia del 2016, della verifica della stretta connessione sostanziale e temporale tra i due procedimenti paralleli. A margine, ci si interroga sull'assestamento dei confini operativi della garanzia in sede nazionale.

Ne bis in idem: una garanzia ancora in cerca di identità / G. Caneschi. - In: RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO E PROCEDURA PENALE. - ISSN 0557-1391. - LXIII:(2020), pp. 2107-2111.

Ne bis in idem: una garanzia ancora in cerca di identità

G. Caneschi
2020

Abstract

Il contributo commenta una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, mediante la quale il giudice di Strasburgo è tornato ad occuparsi del principio del ne bis in idem, ribadendo la necessità del criterio, già affermato nel caso A e B c. Norvegia del 2016, della verifica della stretta connessione sostanziale e temporale tra i due procedimenti paralleli. A margine, ci si interroga sull'assestamento dei confini operativi della garanzia in sede nazionale.
NE BIS IN IDEM; GARANZIE PROCESSUALI; CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL'UOMO
Settore IUS/16 - Diritto Processuale Penale
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ridpp_Cedu_4_2020_Caneschi.pdf

accesso riservato

Dimensione 323.45 kB
Formato Adobe PDF
323.45 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/949453
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact