Il sistema educativo e formativo italiano aspira all’integrazione di discipline e metodi che forniscano alle discenti e ai discenti competenze specifiche e trasversali e che al contempo, in particolare nel percorso liceale, favoriscano “gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché [le studentesse e gli studenti] si ponga[no], con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi [...]” . Un tale tipo di impostazione pone, a nostro parere, tre sfide importanti: 1) l’interscambio di competenze e riflessioni tra pratica didattica e ricerca scientifica; 2) la collaborazione efficace tra le discipline; 3) la solidità di un impianto metodologico solido, arricchito da tecnologie e strumenti digitali Queste sfide sono state il motore di un progetto che aveva l’obiettivo primario di offrire accesso alla gioia della conoscenza e sperimentarla, sollecitando alunni e alunne ad applicare quanto appreso mettendo in gioco la loro creatività per raggiungere un obiettivo comune concreto. Per far questo, si è individuato il project work come contenitore ideale per un apprendimento collaborativo, che permettesse di integrare diversi approcci metodologici, quali la Steam education, il Clil, il Task-Based Language Teaching (TBLT). In questo contesto nasce il lavoro che descriviamo qui.

L’interdisciplinarità fa notizia : L’inglese tra STEAM, CLIL e Task-Based Language Teaching / E. Petrocelli, S. Pizziconi, E. Ghia, L. DI FERRANTE (SUMMERHILL). - In: Convergenze inaspettate : Approcci interdisciplinari nell’era della didattica digitale / [a cura di] C. Scognamiglio. - [s.l] : Stamen, 2022 Nov. - ISBN 9791281045064. - pp. 143-167

L’interdisciplinarità fa notizia : L’inglese tra STEAM, CLIL e Task-Based Language Teaching

L. DI FERRANTE
2022

Abstract

Il sistema educativo e formativo italiano aspira all’integrazione di discipline e metodi che forniscano alle discenti e ai discenti competenze specifiche e trasversali e che al contempo, in particolare nel percorso liceale, favoriscano “gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché [le studentesse e gli studenti] si ponga[no], con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi [...]” . Un tale tipo di impostazione pone, a nostro parere, tre sfide importanti: 1) l’interscambio di competenze e riflessioni tra pratica didattica e ricerca scientifica; 2) la collaborazione efficace tra le discipline; 3) la solidità di un impianto metodologico solido, arricchito da tecnologie e strumenti digitali Queste sfide sono state il motore di un progetto che aveva l’obiettivo primario di offrire accesso alla gioia della conoscenza e sperimentarla, sollecitando alunni e alunne ad applicare quanto appreso mettendo in gioco la loro creatività per raggiungere un obiettivo comune concreto. Per far questo, si è individuato il project work come contenitore ideale per un apprendimento collaborativo, che permettesse di integrare diversi approcci metodologici, quali la Steam education, il Clil, il Task-Based Language Teaching (TBLT). In questo contesto nasce il lavoro che descriviamo qui.
TBLT; STEAM; Didattica dell'inglese come lingua straniera; interdisciplinarità
Settore L-LIN/12 - Lingua e Traduzione - Lingua Inglese
Settore L-LIN/01 - Glottologia e Linguistica
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Petrocelli et al. 2022.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 3.96 MB
Formato Adobe PDF
3.96 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/947032
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact