L’acquacoltura è il settore agroalimentare in maggiore crescita ed è considerata la principale attività per soddisfare la crescente domanda di pesce a livello globale. Tuttavia, l’allevamento ittico intensivo, comporta diversi impatti ambientali dovuti alle grandi quantità di mangime e combustibili fossili consumati e alle emissioni di composti azotati e fosfatici nell’ambiente. In questo studio, l’approccio LCA è stato applicato per valutare l’impatto ambientale della produzione di Branzino e Orata in un impianto off-shore nel centro Italia. L’approccio “from cradle to farm gate” definisce i confini del sistema e 1 tonnellata di peso vivo di pesce è l’unità funzionale dello studio. L’impatto sul cambiamento climatico è di 3321 kg CO2 eq ed è dovuto per il 68% alla produzione dei mangimi. Quest’ultima è anche il principale responsabile delle altre categorie di impatto analizzate con una quota sempre maggiore del 50% dell’impatto totale.

Life cycle assessment nell’acquacoltura: caso studio di un impianto off-shore nel centro Italia / M. Zoli, L. Rossi, M. Costantini, B. Fronte, C. Bibbiani, J. Bacenetti - In: La sostenibilità nel contesto del PNRR: il contributo della Life Cycle AssessmentPalermo : Associazione Rete Italiana LCA, 2022 Jun 22. - ISBN 9791221004588. - pp. 509-516 (( Intervento presentato al 16. convegno Convegno dell’Associazione Rete Italiana LCA tenutosi a Palermo nel 2022.

Life cycle assessment nell’acquacoltura: caso studio di un impianto off-shore nel centro Italia

M. Zoli
Primo
;
M. Costantini
;
J. Bacenetti
Ultimo
2022

Abstract

L’acquacoltura è il settore agroalimentare in maggiore crescita ed è considerata la principale attività per soddisfare la crescente domanda di pesce a livello globale. Tuttavia, l’allevamento ittico intensivo, comporta diversi impatti ambientali dovuti alle grandi quantità di mangime e combustibili fossili consumati e alle emissioni di composti azotati e fosfatici nell’ambiente. In questo studio, l’approccio LCA è stato applicato per valutare l’impatto ambientale della produzione di Branzino e Orata in un impianto off-shore nel centro Italia. L’approccio “from cradle to farm gate” definisce i confini del sistema e 1 tonnellata di peso vivo di pesce è l’unità funzionale dello studio. L’impatto sul cambiamento climatico è di 3321 kg CO2 eq ed è dovuto per il 68% alla produzione dei mangimi. Quest’ultima è anche il principale responsabile delle altre categorie di impatto analizzate con una quota sempre maggiore del 50% dell’impatto totale.
Acquacoltura; Analisi energetica; Input/Output; LCA
Settore AGR/09 - Meccanica Agraria
Settore AGR/10 - Costruzioni Rurali e Territorio Agroforestale
JPI_MIUR19JBACE_01 - Self-sufficient Integrated Multi-Trophic AquaPonic systems for improving food production sustainability and brackish water use and recycling (SIMTAP) - BACENETTI, JACOPO - JPI_MIUR - Joint Programming Initiatives_MIUR - 2019
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ZOLI et al_2022_ReteItaliana_LCA_Aquaculture.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 4.92 MB
Formato Adobe PDF
4.92 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/944635
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact