Il presente contributo intende analizzare i significati che il carattere fa 法 assume nei chengyu. Antico retaggio della cultura cinese, i chéngyǔ sono espressioni idiomatiche, per la maggior parte composte prevalentemente da quattro caratteri, presenti in opere classiche e imparate a memoria da generazioni di funzionari-letterati. Nati in un contesto letterario alto, quello della letteratura in wényán文言, i chéngyǔ vennero usati e diffusi dalla novellistica in lingua vernacolare a partire dall’epoca Ming (1368-1644). Un esempio è: bào fǎ chǔ shì 抱法处势 la cui prima attestazione risale al Han Feizi 韩非子, una delle opere più importanti della scuola legista, probabilmente scritto dallo stesso Han Fei (280-233). Questo chengyu è una metafora a indicare che la legge si connette con il potere che viene utilizzato per garantire l’attuazione della legge. Nei chengyu il carattere fa 法 assume sempre il significato di “legge”? Sarà questo lo scopo del presente contributo.

Il termine fa 法 nei fraseologismi cinesi / C. Bulfoni - In: Cinese 灋/法 fǎ e ‘dintorni’ entro lo spazio euro-asiatico : Un confronto tra processi di semantizzazione della nozione di ‘legge’ in culture e lingue diverse tra Occidente e Oriente / [a cura di] E. Banfi. - Alessandria : Dell'Orso, 2022. - ISBN 978-88-3613-254-6. - pp. 47-56 (( convegno Cinese 灋/法 fǎ e ‘dintorni’ entro lo spazio euro-asiatico : Un confronto tra processi di semantizzazione della nozione di ‘legge’ in culture e lingue diverse tra Occidente e Oriente tenutosi a Milano nel 2020.

Il termine fa 法 nei fraseologismi cinesi

C. Bulfoni
2022

Abstract

Il presente contributo intende analizzare i significati che il carattere fa 法 assume nei chengyu. Antico retaggio della cultura cinese, i chéngyǔ sono espressioni idiomatiche, per la maggior parte composte prevalentemente da quattro caratteri, presenti in opere classiche e imparate a memoria da generazioni di funzionari-letterati. Nati in un contesto letterario alto, quello della letteratura in wényán文言, i chéngyǔ vennero usati e diffusi dalla novellistica in lingua vernacolare a partire dall’epoca Ming (1368-1644). Un esempio è: bào fǎ chǔ shì 抱法处势 la cui prima attestazione risale al Han Feizi 韩非子, una delle opere più importanti della scuola legista, probabilmente scritto dallo stesso Han Fei (280-233). Questo chengyu è una metafora a indicare che la legge si connette con il potere che viene utilizzato per garantire l’attuazione della legge. Nei chengyu il carattere fa 法 assume sempre il significato di “legge”? Sarà questo lo scopo del presente contributo.
chengyu; carattere fa
Settore L-OR/21 - Lingue e Letterature della Cina e dell'Asia Sud-Orientale
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Alexandreia.14-15_estratto Bulfoni.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 426.24 kB
Formato Adobe PDF
426.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/940129
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact