Nel volume, secondo un approccio multidisciplinare, sono esaminati i diversi profili che attengono alla possibilità di prevedere a livello locale strumenti pianificatori perequativi. Innazitutto, sono analizzati i profili che, sulla base del riparto di competenze legislative tra Stato e Regioni, debbono essere disciplinati dalle Regioni e dallo Stato. Si sono, inoltre esaminati i diversi obiettivi di interesse collettivo cui sono ordinati gli strumenti perequativi e compensativi alla luce delle più significative leggi regionali. Infine, si mette in luce come soltanto allorché i diritti edificatori - che, oltre a costituire lo strumento prescelto dai legislatori regionali per realizzare le trasformazioni urbanistiche previste dal piano, delineano anche la capacità edificatoria complessiva - siano trasferiti cogiuntamente alla proprietà fondiaria o ad altro diritto reale, oppure disgiuntamente da questi, ma al fine di incrementare la volumetria edificabile dei fondi di "atterraggio", viene a determinarsi un incremento di valore di tali fondi, con riferimento ai quali esiste un vero e proprio mercato. Non sembra, invece, che le diverse leggi regionali abbiano posto le premesse per la creazione di un vero e proprio mercato "autonomo" dei diritti edificatori.

Governo e mercato dei diritti edificatori: esperienze regionali a confronto / [a cura di] B. A., A. Maltoni. - ITA : Editoriale Scientifica, 2010. - ISBN 9788863421095.

Governo e mercato dei diritti edificatori: esperienze regionali a confronto

A. Maltoni
2010

Abstract

Nel volume, secondo un approccio multidisciplinare, sono esaminati i diversi profili che attengono alla possibilità di prevedere a livello locale strumenti pianificatori perequativi. Innazitutto, sono analizzati i profili che, sulla base del riparto di competenze legislative tra Stato e Regioni, debbono essere disciplinati dalle Regioni e dallo Stato. Si sono, inoltre esaminati i diversi obiettivi di interesse collettivo cui sono ordinati gli strumenti perequativi e compensativi alla luce delle più significative leggi regionali. Infine, si mette in luce come soltanto allorché i diritti edificatori - che, oltre a costituire lo strumento prescelto dai legislatori regionali per realizzare le trasformazioni urbanistiche previste dal piano, delineano anche la capacità edificatoria complessiva - siano trasferiti cogiuntamente alla proprietà fondiaria o ad altro diritto reale, oppure disgiuntamente da questi, ma al fine di incrementare la volumetria edificabile dei fondi di "atterraggio", viene a determinarsi un incremento di valore di tali fondi, con riferimento ai quali esiste un vero e proprio mercato. Non sembra, invece, che le diverse leggi regionali abbiano posto le premesse per la creazione di un vero e proprio mercato "autonomo" dei diritti edificatori.
perequazione urbanistica; compensazione; diritti edificatori; strumenti di piano; cessione di cubatura; leggi regionali; conformazione della proprietà privata.
Settore IUS/10 - Diritto Amministrativo
Governo e mercato dei diritti edificatori: esperienze regionali a confronto / [a cura di] B. A., A. Maltoni. - ITA : Editoriale Scientifica, 2010. - ISBN 9788863421095.
Book (editor)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/938646
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact