The Regions, entities increasingly involved in the European integration progress, today have, the possibility to join the EU legislative process trough the Committee of the Regions and to contribute to the construction of the State’s position in that context, as well as to directly provide for implementation of the relevant acts in theis areas of competence. Nonetheless, they continue to have limited access to EU jurisdiction, due to restrictions on legitimacy and interest in acting in the typical system of actions of the Union. This contribution is aimed at exploring the perspective, de jure condendo, to grant the Regions a wider faculty to intervene in judgments at the Court of Justice of the European Union, through an amendment to art. 40 of the Statute, in order to allow the emergence of regional instances also in this forum. After a first reconstruction of the CJEU case law with reference to the legitimacy of the Regions to act pursuant to art. 263 TFEU and a recent proposal on the extension of the same by Advocate General Bobek, as well as the institution of the intervention of the third party in the European process and on the cases relating to the Regions, the contribution focuses on the analysis of the arguments in favor of such a solution.

Le Regioni, enti sempre più coinvolti nel processo di integrazione europea, hanno, oggi, la possibilità di partecipare al processo legislativo dell’Unione europea attraverso il Comitato delle Regioni e alla fase di predisposizione della posizione nazionale in detto processo (secondo quanto previsto dal proprio ordinamento statale), nonché di provvedere direttamente all’attuazione del diritto dell’Unione negli ambiti di propria competenza. Ciononostante, tali enti continuano ad avere un limitato accesso alla giurisdizione comunitaria, per via delle restrizioni in tema di legittimazione ed interesse ad agire nel sistema di azioni tipico dell’Unione. Il presente contributo è diretto ad esplorare la prospettiva, de jure condendo, di consentire alle Regioni una più ampia facoltà di intervento nei giudizi presso la Corte di giustizia dell’Unione europea, attraverso una modifica dell’art. 40 dello Statuto, in modo da consentire l’emersione delle istanze regionali anche in tale sede. Dopo una prima ricostruzione degli orientamenti della CGUE con riferimento alla legittimazione ad agire delle Regioni ai sensi dell’art. 263 TFUE e ad una recente proposta in merito all’ampliamento della stessa da parte dell’avvocato generale Bobek, il contributo analizza l’istituto dell’intervento del terzo nel processo comunitario e la casistica relativa alle Regioni per poi concentrarsi sull’analisi degli argomenti a favore di una tale soluzione.

L’intervento delle Regioni nei giudizi di fronte alla Corte di giustizia dell’Unione europea: una proposta de jure condendo [The intervention of the regions in proceedings before the Court of Justice of the European Union: a de jure condendo proposal] / I.A. Anro'. - In: FEDERALISMI.IT. - ISSN 1826-3534. - 2022:20(2022 Aug 01), pp. 498-519.

L’intervento delle Regioni nei giudizi di fronte alla Corte di giustizia dell’Unione europea: una proposta de jure condendo [The intervention of the regions in proceedings before the Court of Justice of the European Union: a de jure condendo proposal]

I.A. Anro'
2022-08-01

Abstract

Le Regioni, enti sempre più coinvolti nel processo di integrazione europea, hanno, oggi, la possibilità di partecipare al processo legislativo dell’Unione europea attraverso il Comitato delle Regioni e alla fase di predisposizione della posizione nazionale in detto processo (secondo quanto previsto dal proprio ordinamento statale), nonché di provvedere direttamente all’attuazione del diritto dell’Unione negli ambiti di propria competenza. Ciononostante, tali enti continuano ad avere un limitato accesso alla giurisdizione comunitaria, per via delle restrizioni in tema di legittimazione ed interesse ad agire nel sistema di azioni tipico dell’Unione. Il presente contributo è diretto ad esplorare la prospettiva, de jure condendo, di consentire alle Regioni una più ampia facoltà di intervento nei giudizi presso la Corte di giustizia dell’Unione europea, attraverso una modifica dell’art. 40 dello Statuto, in modo da consentire l’emersione delle istanze regionali anche in tale sede. Dopo una prima ricostruzione degli orientamenti della CGUE con riferimento alla legittimazione ad agire delle Regioni ai sensi dell’art. 263 TFUE e ad una recente proposta in merito all’ampliamento della stessa da parte dell’avvocato generale Bobek, il contributo analizza l’istituto dell’intervento del terzo nel processo comunitario e la casistica relativa alle Regioni per poi concentrarsi sull’analisi degli argomenti a favore di una tale soluzione.
The Regions, entities increasingly involved in the European integration progress, today have, the possibility to join the EU legislative process trough the Committee of the Regions and to contribute to the construction of the State’s position in that context, as well as to directly provide for implementation of the relevant acts in theis areas of competence. Nonetheless, they continue to have limited access to EU jurisdiction, due to restrictions on legitimacy and interest in acting in the typical system of actions of the Union. This contribution is aimed at exploring the perspective, de jure condendo, to grant the Regions a wider faculty to intervene in judgments at the Court of Justice of the European Union, through an amendment to art. 40 of the Statute, in order to allow the emergence of regional instances also in this forum. After a first reconstruction of the CJEU case law with reference to the legitimacy of the Regions to act pursuant to art. 263 TFEU and a recent proposal on the extension of the same by Advocate General Bobek, as well as the institution of the intervention of the third party in the European process and on the cases relating to the Regions, the contribution focuses on the analysis of the arguments in favor of such a solution.
regioni; accesso alla giustizia; intervento; legittimazione ad intervenire; procedura di infrazione; regions; access to justice; intervention; standing; infringement procedure;
Settore IUS/14 - Diritto dell'Unione Europea
https://www.federalismi.it/nv14/articolo-documento.cfm?Artid=47590
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
L'intervento delle Regioni.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 763.36 kB
Formato Adobe PDF
763.36 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/935369
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact