È stata Elena Pulcini (Pulcini 2001) a chiarire che la comunità di Clarens descritta nella Nouvelle Héloïse si fonda sull’amicizia. La relazione che intendo presentare si concentra su questo romanzo ed illustra le ricerche che ho svolto per tentare di far luce sulla concezione rousseauiana dell’amicizia. La prima parte mostrerà che l’amicizia su cui si fonda la comunità di Clarens è un’amicizia altamente idealizzata, che va contrapposta non solo alle “amicizie inautentiche” dei salotti parigini disprezzate da Rousseau, ma anche alle “amicizie egoistiche” che Pernetti, Caraccioli ed altri autori settecenteschi contrappongono alla “vera amicizia” in opere interamente dedicate all’amitié, degne di ulteriori approfondimenti. Riprendendo le analisi di Starobinski (Starobinski 1982 e Starobinski 1971), la seconda parte chiarirà che l’amicizia che lega Julie alle anime belle che vivono con lei a Clarens è molto diversa dalla philia aristotelica perché è una relazione fusionale, in cui l’amico non è un altro sé, ma una parte di sé, come nel De l’amitié di Montaigne. La terza parte metterà in luce che Julie e Claire, a differenza di Montaigne e La Boétie, non riescono a fondere completamente le loro anime perché la dinamica che ha permesso all’una di ritrovare sé stessa nell’altra, verso la fine del romanzo, si spezza. Quella che viene proposta nella Nouvelle Héloïse, pertanto, più che un’amicizia straordinaria, è un’amicizia imperfetta. Come preciseranno le conclusioni, che sono la quarta e ultima parte della mia relazione, l’imperfezione dell’amicizia descritta da Rousseau merita di essere indagata più a fondo non solo perché rende opaca una comunità che dovrebbe essere trasparente per definizione, ma anche perché rivela quanto sia problematico porre a fondamento dei legami sociali un’amicizia che richiede una fusione totale dell’anima degli amici.

L’amicizia nella Nouvelle Héloïse / A. Ceron. ((Intervento presentato al convegno Settecento oggi: studi e ricerche in corso tenutosi a Trieste nel 2022.

L’amicizia nella Nouvelle Héloïse

A. Ceron
2022-05-26

Abstract

È stata Elena Pulcini (Pulcini 2001) a chiarire che la comunità di Clarens descritta nella Nouvelle Héloïse si fonda sull’amicizia. La relazione che intendo presentare si concentra su questo romanzo ed illustra le ricerche che ho svolto per tentare di far luce sulla concezione rousseauiana dell’amicizia. La prima parte mostrerà che l’amicizia su cui si fonda la comunità di Clarens è un’amicizia altamente idealizzata, che va contrapposta non solo alle “amicizie inautentiche” dei salotti parigini disprezzate da Rousseau, ma anche alle “amicizie egoistiche” che Pernetti, Caraccioli ed altri autori settecenteschi contrappongono alla “vera amicizia” in opere interamente dedicate all’amitié, degne di ulteriori approfondimenti. Riprendendo le analisi di Starobinski (Starobinski 1982 e Starobinski 1971), la seconda parte chiarirà che l’amicizia che lega Julie alle anime belle che vivono con lei a Clarens è molto diversa dalla philia aristotelica perché è una relazione fusionale, in cui l’amico non è un altro sé, ma una parte di sé, come nel De l’amitié di Montaigne. La terza parte metterà in luce che Julie e Claire, a differenza di Montaigne e La Boétie, non riescono a fondere completamente le loro anime perché la dinamica che ha permesso all’una di ritrovare sé stessa nell’altra, verso la fine del romanzo, si spezza. Quella che viene proposta nella Nouvelle Héloïse, pertanto, più che un’amicizia straordinaria, è un’amicizia imperfetta. Come preciseranno le conclusioni, che sono la quarta e ultima parte della mia relazione, l’imperfezione dell’amicizia descritta da Rousseau merita di essere indagata più a fondo non solo perché rende opaca una comunità che dovrebbe essere trasparente per definizione, ma anche perché rivela quanto sia problematico porre a fondamento dei legami sociali un’amicizia che richiede una fusione totale dell’anima degli amici.
Rousseau; Nouvelle Héloïse; amicizia; comunità; legami sociali; Montaigne
Settore SPS/02 - Storia delle Dottrine Politiche
Settore M-FIL/06 - Storia della Filosofia
Università degli Studi di Trieste
Società italiana di Studi sul secolo XVIII
L’amicizia nella Nouvelle Héloïse / A. Ceron. ((Intervento presentato al convegno Settecento oggi: studi e ricerche in corso tenutosi a Trieste nel 2022.
Conference Object
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ceron-TRIESTE22.pptx

accesso aperto

Tipologia: Altro
Dimensione 228.34 kB
Formato Microsoft Powerpoint XML
228.34 kB Microsoft Powerpoint XML Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/932738
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact