This paper considers the Escazú Agreement – the first arrangement dealing with the environment concluded by twelve Latin American countries – which has been in place for about one year. The agreement seeks to ensure environmental democracy while calling for environmentalists’ protection. The paper examines the regional context in which this agreement is implemented, which features extractivism, growing social and environmental conflict, violence against environmentalists, organized crime, and the fight of indigenous communities against extraction activities in their areas

Il saggio ripercorre i contenuti dell’Acuerdo de Escazú, il primo trattato sull’ambiente in vigore da circa un anno fra dodici Stati dell’America Latina, che aspira a realizzare la democrazia ambientale e che impone di proteggere gli ambientalisti. In particolare, si illustra il contesto regionale in cui l’Accordo si inserisce, caratterizzato dall’estrattivismo, dal simmetrico incremento dei conflitti socioambientali, della violenza contro gli ambientalisti e contro alcune comunità indigene, che si oppongono all’avanzare della frontiera estrattiva nei loro territori, e dalla presenza in alcune aree della criminalità organizzata.

Difensori dell’ ambiente, popoli indigeni e violenza organizzata nell’America Latina contemporanea. l’opportunità dell’Acuerdo de Escazú / M. Rosti. - In: RIVISTA DI STUDI E RICERCHE SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. - ISSN 2421-5635. - 7:4(2021), pp. 6-40. [10.54103/cross-18073]

Difensori dell’ ambiente, popoli indigeni e violenza organizzata nell’America Latina contemporanea. l’opportunità dell’Acuerdo de Escazú

M. Rosti
2021

Abstract

Il saggio ripercorre i contenuti dell’Acuerdo de Escazú, il primo trattato sull’ambiente in vigore da circa un anno fra dodici Stati dell’America Latina, che aspira a realizzare la democrazia ambientale e che impone di proteggere gli ambientalisti. In particolare, si illustra il contesto regionale in cui l’Accordo si inserisce, caratterizzato dall’estrattivismo, dal simmetrico incremento dei conflitti socioambientali, della violenza contro gli ambientalisti e contro alcune comunità indigene, che si oppongono all’avanzare della frontiera estrattiva nei loro territori, e dalla presenza in alcune aree della criminalità organizzata.
This paper considers the Escazú Agreement – the first arrangement dealing with the environment concluded by twelve Latin American countries – which has been in place for about one year. The agreement seeks to ensure environmental democracy while calling for environmentalists’ protection. The paper examines the regional context in which this agreement is implemented, which features extractivism, growing social and environmental conflict, violence against environmentalists, organized crime, and the fight of indigenous communities against extraction activities in their areas
Latin America; Escazú Agreement; environmentalists; indigenous people; violence; organized crime; America Latina; Accordo di Escazú; ambientalisti; popoli indigeni; violenza; criminalità organizzata
Settore SPS/05 - Storia e Istituzioni delle Americhe
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rosti-Defensores-Rivista-Criminalità-2022.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 380.11 kB
Formato Adobe PDF
380.11 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/932264
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact