Interventi relativi alla presentazione dei libri di Massimo Baioni (Vedere per credere. Il racconto museale dell’Italia unita, Roma, Viella, 2020) e di Filippo Focardi (Nel cantiere della memoria. Fascismo, Resistenza, Shoah, Foibe, Roma, Viella, 2020. Attorno a questi due libri, per certi versi complementari e in dialogo tra loro, si è svolta una discussione relativa alla memoria risorgimentale e alle memorie del fascismo, della Seconda guerra mondiale, della Resistenza e della Shoah. Al di là della storiografia e del suo ruolo nella formazione di un discorso pubblico nella penisola, il dibattito ha riguardato la formazione e trasmissione del sentimento nazionale oggi in Italia, il rapporto tra gli storici e i mezzi di comunicazione attuali, la costituzione di una memoria europea. Al centro della discussione sta insomma la questione del rapporto che abbiamo oggi con la Storia, una questione fondamentale nei lavori di Baioni e di Focardi, che possono essere entrambi considerati come due «sismografi» della percezione odierna dell’idea di nazione.

Dal Risorgimento alla Seconda guerra mondiale : Formazione, trasmissione, usi pubblici del passato nell’Italia contemporanea / S. Montaldo, X. Tabet, E. Mazzini, M. Baioni, F. Focardi. - In: LABORATOIRE ITALIEN. - ISSN 2117-4970. - 27(2021), pp. 1-15. [10.4000/laboratoireitalien.7813]

Dal Risorgimento alla Seconda guerra mondiale : Formazione, trasmissione, usi pubblici del passato nell’Italia contemporanea

M. Baioni;
2021

Abstract

Interventi relativi alla presentazione dei libri di Massimo Baioni (Vedere per credere. Il racconto museale dell’Italia unita, Roma, Viella, 2020) e di Filippo Focardi (Nel cantiere della memoria. Fascismo, Resistenza, Shoah, Foibe, Roma, Viella, 2020. Attorno a questi due libri, per certi versi complementari e in dialogo tra loro, si è svolta una discussione relativa alla memoria risorgimentale e alle memorie del fascismo, della Seconda guerra mondiale, della Resistenza e della Shoah. Al di là della storiografia e del suo ruolo nella formazione di un discorso pubblico nella penisola, il dibattito ha riguardato la formazione e trasmissione del sentimento nazionale oggi in Italia, il rapporto tra gli storici e i mezzi di comunicazione attuali, la costituzione di una memoria europea. Al centro della discussione sta insomma la questione del rapporto che abbiamo oggi con la Storia, una questione fondamentale nei lavori di Baioni e di Focardi, che possono essere entrambi considerati come due «sismografi» della percezione odierna dell’idea di nazione.
Risorgimento; Fascismo; Resistenza; identità nazionale; memoria pubblica
Settore M-STO/04 - Storia Contemporanea
https://journals.openedition.org/laboratoireitalien/7813
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Labo27_11_deb_Montaldo-Tabet-et-al.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Post-print, accepted manuscript ecc. (versione accettata dall'editore)
Dimensione 188.79 kB
Formato Adobe PDF
188.79 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Dal Risorgimento alla Seconda guerra mondiale. Formazione, trasmissione, usi pubblici del passato nell’Italia contemporanea.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 439.24 kB
Formato Adobe PDF
439.24 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/901475
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact