Non coltivare l’incompetenza