Da un osservatorio particolare: modalità di scrittura per la scena a Milano tra Otto e Novecento