La nuova disciplina delle dimissioni tra libertà di forma e presunzione di non spontaneità