Il recettore degli androgeni: isoforme e degradazione