Primi appunti sulla gramatica del notaio Mafeo, «dictus Zucha, de burgo Meda»