«Temo però che la sua satira non produca quel frutto che dovrebbe produrre». Sulle tangenze (e sulle distanze) manzoniane