Fictio, falso, fake: sul buon uso della filologia