L’acufene è la percezione di un rumore senza che il sistema uditivo venga stimolato da energia sonora. Viene discusso il concetto di segnale/rumore essenziale per comprendere la presenza dell’acufene. Si ricordano le bizzarre terapie del passato e il moderno approccio comportamentale basato sulla terapia del suono. In base al modello neurofisiologico di Jastreboff viene illustrata la metodica TRT basata sull’associazione di counselling mirato a facilitare l’adattamento all’acufene e la terapia del suono finalizzata alla riprogrammazione della via acustica. La presentazione del suono tramite generatore personale opportunamente regolato da solo o combinato all’apparecchio acustico in caso di sordità permettono di distrarre l’attenzione ossessiva all’acufene facilitando la sua tollerabilità e l’adattamento. La plasticità cerebrale svolge un ruolo fondamentale nell’approccio. La terapia farmacologica ad oggi non presenta alcun vantaggio anzi alcune molecole spesso utilizzate svolgono un effetto contrario.

Il silenzio e il suono fantasma, l'acufene / U. Ambrosetti - In: Il silenzio è d'oro? Un viaggio tra i silenzi e il mondo dei suoni / [a cura di] U. Ambrosetti, E. Carravieri. - Prima edizione. - Milano : Clorofilla Editoria Scientifica, 2021. - ISBN 9788894587326. - pp. 87-102

Il silenzio e il suono fantasma, l'acufene

U. Ambrosetti
2021

Abstract

L’acufene è la percezione di un rumore senza che il sistema uditivo venga stimolato da energia sonora. Viene discusso il concetto di segnale/rumore essenziale per comprendere la presenza dell’acufene. Si ricordano le bizzarre terapie del passato e il moderno approccio comportamentale basato sulla terapia del suono. In base al modello neurofisiologico di Jastreboff viene illustrata la metodica TRT basata sull’associazione di counselling mirato a facilitare l’adattamento all’acufene e la terapia del suono finalizzata alla riprogrammazione della via acustica. La presentazione del suono tramite generatore personale opportunamente regolato da solo o combinato all’apparecchio acustico in caso di sordità permettono di distrarre l’attenzione ossessiva all’acufene facilitando la sua tollerabilità e l’adattamento. La plasticità cerebrale svolge un ruolo fondamentale nell’approccio. La terapia farmacologica ad oggi non presenta alcun vantaggio anzi alcune molecole spesso utilizzate svolgono un effetto contrario.
Silenzio; ipoacuisa; acufene; arricchimento sonoro
Settore MED/32 - Audiologia
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cap.6.pdf

accesso riservato

Tipologia: Post-print, accepted manuscript ecc. (versione accettata dall'editore)
Dimensione 231.33 kB
Formato Adobe PDF
231.33 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/869076
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact