La natura della “proprietà pubblica” e la “neopatrimonializzazione”