Visualità e intermedialità in Hugo von Hofmannsthal