This contribution examines building materials destined for public construction sites in Corinth, specifically the fired clay productions designed for roofing. The focus is placed primarily on brick stamps, that is, the stamps imprinted before firing that indicate ownership, destination or the public or private purchaser of the product. The study of the stamps on Corinthian opus doliare is approached diachronically: from its first usage in workshops in the Hellenistic period, to its maximum diffusion in the early Imperial period, following the re-foundation of the Roman colony, until the termination of the practice at the threshold of Late Antiquity. An overview of public and private attestations is presented, relatable to individuals involved by state authority in production, sales and distribution. An epigraphic and prosopographic analysis of the stamps and the ceramic fabric, and an interpretation of the stamps in relation to their context of discovery follows. Finally, two fundamental contexts within the Roman Forum are examined: the Southern Stoa and the Odeion. The construction phases of these buildings are distinguishable and can be reconstructed from the brick stamps recovered during the excavations conducted by the American School of Classical Studies at Athens from the beginning of the 20th century to the present day.

Il presente contributo prende in esame i materiali da costruzione destinati ai cantieri pubblici di Corinto, nello specifico le produzioni in argilla refrattaria realizzate per le coperture. L’attenzione viene rivolta principalmente ai bolli laterizi, ossia quei contrassegni impressi prima della cottura che indicano la proprietà, la destinazione o la committenza pubblica e/o privata dei prodotti di fabbrica. Lo studio dei marchi sull’opus doliare di Corinto viene affrontato nella sua diacronia: dal primo impiego nelle officine in età ellenistica, alla massima diffusione nella prima età imperiale, in seguito alla rifondazione della colonia di diritto latino, fino all’interruzione della pratica alle soglie della tardo-antichità. Si presenta una panoramica delle attestazioni pubbliche e private, riconducibili agli individui coinvolti dall’autorità statale nella produzione, vendita e distribuzione. Seguono un’analisi epigrafica e prosopografica dei timbri e delle matrici e una lettura dei bolli in relazione al contesto di rinvenimento. Infine, si prendono in esame due contesti fondamentali del foro romano: la Stoa Sud e l’Odeion. Di questi edifici si identificano le fasi di cantiere, ricostruibili dai marchi sui laterizi provenienti dagli scavi condotti dell’American School of Classical Studies at Athens dagli inizi del ‘900 ai giorni nostri.

Produzione, committenza e distribuzione dei laterizi nei cantieri pubblici di Corinto in età ellenistica e romana / C. De Domenico. - In: ANNUARIO DELLA SCUOLA ARCHEOLOGICA DI ATENE E DELLE MISSIONI ITALIANE IN ORIENTE. - ISSN 0067-0081. - Ebook. - 95:(2017), pp. 289-316.

Produzione, committenza e distribuzione dei laterizi nei cantieri pubblici di Corinto in età ellenistica e romana

C. De Domenico
2017

Abstract

Il presente contributo prende in esame i materiali da costruzione destinati ai cantieri pubblici di Corinto, nello specifico le produzioni in argilla refrattaria realizzate per le coperture. L’attenzione viene rivolta principalmente ai bolli laterizi, ossia quei contrassegni impressi prima della cottura che indicano la proprietà, la destinazione o la committenza pubblica e/o privata dei prodotti di fabbrica. Lo studio dei marchi sull’opus doliare di Corinto viene affrontato nella sua diacronia: dal primo impiego nelle officine in età ellenistica, alla massima diffusione nella prima età imperiale, in seguito alla rifondazione della colonia di diritto latino, fino all’interruzione della pratica alle soglie della tardo-antichità. Si presenta una panoramica delle attestazioni pubbliche e private, riconducibili agli individui coinvolti dall’autorità statale nella produzione, vendita e distribuzione. Seguono un’analisi epigrafica e prosopografica dei timbri e delle matrici e una lettura dei bolli in relazione al contesto di rinvenimento. Infine, si prendono in esame due contesti fondamentali del foro romano: la Stoa Sud e l’Odeion. Di questi edifici si identificano le fasi di cantiere, ricostruibili dai marchi sui laterizi provenienti dagli scavi condotti dell’American School of Classical Studies at Athens dagli inizi del ‘900 ai giorni nostri.
This contribution examines building materials destined for public construction sites in Corinth, specifically the fired clay productions designed for roofing. The focus is placed primarily on brick stamps, that is, the stamps imprinted before firing that indicate ownership, destination or the public or private purchaser of the product. The study of the stamps on Corinthian opus doliare is approached diachronically: from its first usage in workshops in the Hellenistic period, to its maximum diffusion in the early Imperial period, following the re-foundation of the Roman colony, until the termination of the practice at the threshold of Late Antiquity. An overview of public and private attestations is presented, relatable to individuals involved by state authority in production, sales and distribution. An epigraphic and prosopographic analysis of the stamps and the ceramic fabric, and an interpretation of the stamps in relation to their context of discovery follows. Finally, two fundamental contexts within the Roman Forum are examined: the Southern Stoa and the Odeion. The construction phases of these buildings are distinguishable and can be reconstructed from the brick stamps recovered during the excavations conducted by the American School of Classical Studies at Athens from the beginning of the 20th century to the present day.
bolli; materiali da costruzione; produzione e distribuzione; cantieri edilizi; Corinto
Settore L-ANT/07 - Archeologia Classica
Settore L-ANT/02 - Storia Greca
Settore L-ANT/03 - Storia Romana
https://www.insegnadelgiglio.it/wp-content/uploads/2021/03/eb_st_cp_saiaan-95-2017-ebook.pdf
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
De Domenico 2017, Produzione, committenza e distribuzione dei laterizi nei cantieri pubblici di Corinto in età ellenistica e romana, ASAtene 95-2017.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 1.84 MB
Formato Adobe PDF
1.84 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/864635
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact