Il passato come oggetto di costruzione in Stefan George