Abbracciare la “filosofia” quotidiana della ridondanza del dato