Antonino Votto : Il direttore d'orchestra, il didatta