Nella recentissima sentenza n. 9004 del 2021, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono espresse sulla sorte del giudizio sull’assegno divorzile nell’eventualità in cui, a seguito di giudicato sulla sentenza non definitiva di cessazione degli effetti civili del matrimonio, intervenga, anch’essa irrevocabile, “delibazione” di pronuncia ecclesiastica dichiarativa della nullità del vincolo. Il Collegio dei Nove, disattendendo l’orientamento suggerito nell’ordinanza di rimessione (n. 5078 del 2020), ha osservato che la diversità di oggetto tra i procedimenti di divorzio e di nullità (e successiva delibazione) esclude che la validità del matrimonio costituisca presupposto (se non in senso meramente logico) dell’assegno. Allorché il rapporto sia stato dichiarato sciolto con sentenza non impugnabile, al giudice ex lege n. 898 del 1970 si impone pertanto, in ogni caso, di accertare la spettanza del diritto di percepire il contributo.

La “resistenza” del giudizio sull’assegno divorzile al riconoscimento delle nullità canoniche: l’intervento delle Sezioni Unite e la difesa del “coniuge debole” / C. Pasquali. - In: FAMIGLIA E DIRITTO. - ISSN 1591-7703. - 2021:8-9(2021 Sep), pp. 790-801.

La “resistenza” del giudizio sull’assegno divorzile al riconoscimento delle nullità canoniche: l’intervento delle Sezioni Unite e la difesa del “coniuge debole”

C. Pasquali
2021

Abstract

Nella recentissima sentenza n. 9004 del 2021, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono espresse sulla sorte del giudizio sull’assegno divorzile nell’eventualità in cui, a seguito di giudicato sulla sentenza non definitiva di cessazione degli effetti civili del matrimonio, intervenga, anch’essa irrevocabile, “delibazione” di pronuncia ecclesiastica dichiarativa della nullità del vincolo. Il Collegio dei Nove, disattendendo l’orientamento suggerito nell’ordinanza di rimessione (n. 5078 del 2020), ha osservato che la diversità di oggetto tra i procedimenti di divorzio e di nullità (e successiva delibazione) esclude che la validità del matrimonio costituisca presupposto (se non in senso meramente logico) dell’assegno. Allorché il rapporto sia stato dichiarato sciolto con sentenza non impugnabile, al giudice ex lege n. 898 del 1970 si impone pertanto, in ogni caso, di accertare la spettanza del diritto di percepire il contributo.
Delibazione, divorzio, assegno divorzile, giudicato
Settore IUS/11 - Diritto Canonico e Diritto Ecclesiastico
lug-2021
https://www.edicolaprofessionale.com/#mode=arretrati,riv_opera=IR21,__m=site
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
famdir_2021_8-9.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 235.94 kB
Formato Adobe PDF
235.94 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/859094
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact